• Francesco Jodice, Ph. Sara Gentile
  • Francesco Jodice, Cowboy

25 maggio 2019

IL CORSARO NERO E LA VENDETTA DEL GAVI

Francesco Jodice

A cura di Ilaria Bonacossa e Annamaria Aimone


Inaugurazione sabato 25 maggio 2019

ore 15.30 — Forte di Gavi, Polo Museale del Piemonte – visita guidata alla mostra
ore 17.30 — Fondazione La Raia – incontro con Francesco Jodice e performance musicale

Fondazione La Raia - arte cultura territorio, il Polo Museale del Piemonte e il Forte di Gavi presentano Il Corsaro Nero e la vendetta del Gavi, di Francesco Jodice.

Questo evento, che si articola in una mostra, una performance e un'istallazione permanente, conferma la volontà della Fondazione La Raia di identificare nuove letture critiche sul tema del paesaggio, della sua valorizzazione, concentrandosi in questo caso sulle specificità del paesaggio del Gavi e la sua storia.

Il Corsaro Nero e la vendetta del Gavi nasce da un anno di ricerca nel Gavi dove Jodice ha fotografato le architetture, i paesaggi, i monumenti, le colline e le cantine, indagando gli aneddoti vernacolari e i personaggi che ne hanno segnato la storia. Nelle sue ricerche si è imbattuto nel lavoro di Angelo Francesco Lavagnino, compositore considerato uno dei padri della colonna sonora del cinema italiano dagli anni cinquanta in poi, che scelse Gavi come sua terra d'elezione. Alcune immagini delle locandine dei film musicati da Lavagnino entrano nelle opere di Jodice creando un cortocircuito tra realtà e finzione, trasformando il Gavi in un set immaginario; le musiche originali di Lavagnino diventano protagoniste, grazie alle trascrizioni del Conservatorio Niccolò Paganini di Genova, della performance del Corpo musicale “Romualdo Marenco” di Novi Ligure tra i vigneti de La Raia.

 

Francesco Jodice nella sua ricerca artistica indaga i mutamenti del paesaggio sociale contemporaneo, con particolare attenzione ai fenomeni di antropologia urbana e alla produzione di nuovi processi di partecipazione. I suoi progetti mirano alla costruzione di un terreno comune tra arte e geopolitica. Insegna al Biennio di Arti Visive e Studi Curatoriali presso NABA – Nuova Accademia di Belle Arti di Milano. È stato tra i fondatori dei collettivi Multiplicity e Zapruder. Ha partecipato a importanti mostre collettive come Documenta, la Biennale di Venezia, la Biennale di São Paulo, la Triennale dell’ICP di New York, la seconda Biennale di Yinchuan. Le sue opere sono state presentate in istituzioni quale il Castello di Rivoli (Torino), la Tate Modern (Londra) e il Museo del Prado (Madrid). Tra i suoi progetti principali: l’atlante fotografico What We Want, un osservatorio sulle modificazioni del paesaggio in quanto proiezione dei desideri collettivi; l’archivio di pedinamenti urbani The Secret Traces e la trilogia di film sulle nuove forme di urbanesimo Citytellers.

 

 

L'ingresso è libero fino a esaurimento posti. È richiesta la prenotazione a

segreteria@fondazionelaraia.it

 

Per raggiungerci

 



Forte di Gavi

Via del Forte - Gavi (AL)
Google maps: Forte di Gavi

 



Azienda Agricola Biodinamica La Raia
Strada Monterotondo 79, Novi Ligure (AL)

Google maps: Azienda agricola biodinamica La Raia